In uno sport pieno di leggende come la boxe, bisogna davvero essere fuori dal comune per diventare una leggenda tra le leggende. Eppure, anche chi non ha mai visto in vita sua un incontro di pugilato sa benissimo chi sia “Iron” Mike Tyson. La sua carriera da professionista, cominciata nel 1985 e terminata vent’anni dopo, è piena zeppa di incontri leggendari, di vittorie indimenticabili, di sconfitte inattese e di comportamenti…decisamente fuori dalle righe.

Iron Mike Tyson ha incassato borse per 500 milioni

La bancarotta del 2003

La nuova attività di Tyson

Quanto vale oggi Mike

Il bonus di benvenuto di 888sport!

Iron Mike Tyson ha incassato borse per 500 milioni

Campione del mondo (WBC, WBA, IBF e lineare) dal 1986 al 1990, Tyson si è costruito la fama di “uomo più pericoloso del mondo. Negli anni Novanta ha subito un processo per violenza sessuale, che lo ha portato a trascorrere tre anni in carcere, per poi tornare sul ring e vincere di nuovo il titolo mondiale (WBC e WBA), salvo poi fare scandalo per aver morso il suo avversario Evander Holyfield, staccandogli un pezzo di orecchio.

Tyson ha poi continuato a combattere fino al 2005, senza però mai tornare quello di una volta. Per lui il bilancio parla di 58 incontri, con 50 vittorie (44 per KO, 5 per decisione e una per squalifica), 6 sconfitte (5 per count-out e una per squalifica) e due, anche per gli esiti delle scommesse, no-contest.

A fare la storia non sono stati solo i suoi incontri, ma anche il tantissimo denaro guadagnato in uno dei momenti migliori (dal punto di vista economico) della boxe mondiale. Anche grazie al lavoro del leggendario promoter Don King, Tyson ha ottenuto borse altissime per i suoi incontri ed è riuscito a raggiungere una fortuna incredibile, stimata sui 500 milioni di dollari.

La bancarotta del 2003

Al massimo della sua fama è anche comparso nei programmi della WWE (all’epoca WWF), guadagnandosi persino l’ingresso nella Hall of Fame della federazione più importante del mondo del wrestling.

Tyson arbitro a Wrestlemania XIV a Boston!

Come ha però spiegato lui stesso, il suo stile di vita parecchio dispendioso e una serie di…capricci costosissimi lo ha portato a sperperare tutto quanto accumulato nel corso degli anni.

Tra le tigri del Bengala in giardino (una delle quali è comparsa in “Una notte da leoni” assieme al suo proprietario), un collare di diamanti da 7 milioni, macchine di lusso, aerei privati e persino una vasca da bagno completamente in oro, costata oltre 2 milioni di dollari, il denaro guadagnato sul ring è terminato abbastanza velocemente, con una bancarotta dichiarata nel 2003.

La nuova attività di Tyson

Da quel momento, però, Tyson ha provato a rialzarsi dopo…il KO, anche grazie a degli introiti decisamente alternativi. A partire dalla carriera da attore, che lo ha portato a comparire in tantissimi film, serie televisive (nella maggior parte nei panni di se stesso). La vita di Tyson è anche servita come soggetto per una autobiografia, ma anche per parecchi film e documentari, portando all’ex pugile parecchie entrate grazie ai diritti d’autore.

Negli ultimi anni, quando la sua immagine è stata decisamente ripulita dopo gli eccessi dei decenni precedenti, Tyson è anche comparso con una certa frequenza in pubblicità e campagne di marketing, con una certa popolarità soprattutto in estremo Oriente e in Cina.  

Ma la svolta economica della seconda vita di Kid Dinamite è arrivata quando l’ex ragazzo di Brooklyn ha deciso di dedicarsi…all’erba. Nel 2018 Tyson ha utilizzato il suo ranch in Texas per cominciare un’azienda di coltivazione della cannabis, che lo ha portato di nuovo sulla cresta dell’onda.

Come ha spiegato lo stesso Iron Mike, la cannabis che viene prodotta e che viene utilizzata per scopi terapeutici ma anche ricreativi, permette a Tyson di incamerare circa 500mila dollari al mese, che in un anno fanno 6 milioni. Che non sono neanche una parte di quanto guadagnava con un solo incontro quando saliva sul ring, ma rappresentano comunque una cifra importante. E soprattutto, gli permettono di…detrarre i circa 40mila dollari di marijuana utilizzata dallo stesso Mike e dai suoi soci e amici in un mese.

Quanto vale oggi Mike

Ma…quanto vale dunque ora come ora Mike Tyson? Non certo quanto una volta, ma da quanto spiega il sito Celebrity Net Worth nel 2022 l’ex pugile vale circa 10 milioni di dollari, cinquanta volte di meno di quanto poteva sfoggiare come ricchezza personale all’apice della sua carriera. Ma come direbbe lui stesso, ognuno pensa di avere un piano fino a che non si becca un cazzotto in bocca.

E di cazzotti Tyson ne ha presi parecchi, alcuni dei quali devastanti. E non solo quello di Buster Douglas nel 1990, che lo ha mandato KO per la prima, inattesa per le scommesse pugilato e devastante sconfitta della sua carriera.

Tyson contro Douglas!

Ma l’importante, nella vita come nella boxe, è rialzarsi sempre. E questo Iron Mike, seppure con qualche difficoltà, alla fine è riuscito a farlo.

*Le immagini dell'articolo sono distribuite da AP Photo.

Sull'autore
Di
Francesco Cavallini

Francesco vive di sport, di storia e di storie di sport. Dai Giochi Olimpici antichi a quelli moderni, dalle corse dei carri a Bisanzio all'Olanda di Cruijff, se c'è competizione o si tiene un punteggio, lui si appassiona sempre e spesso e volentieri ne scrive.

Articoli Correlati

Conte il più pagato

Europei di basket

Le gare di Gimbo

Jacobs in USA

I Mondiali al Cairo