Il mercato estivo 2022 della Serie A è stato abbastanza particolare. Anzi, si potrebbe tranquillamente dire che il massimo campionato tricolore sia stato sottoposto a una vera e propria…spending review.

Tra trasferimenti a parametro zero, addii importanti, pochi acquisti davvero costosi e la fiducia a calciatori dai nomi non altisonanti (e dagli stipendi relativamente bassi), l’obiettivo di rendere il torneo un po’ più sostenibile sembra essere stato centrato. Il che significa anche dover riscrivere la graduatoria dei calciatori più pagati della A, perché ci sono stati cambiamenti importanti, rispetto alla precedente classifica con Dybala, solitario, in testa…

Romelu Lukaku il più pagato

Il podio degli ingaggi top è bianconero

Che rinnovo per Brozo!

A Trigoria il tetto salariale è di 5 milioni

Theo Hernandez il più pagato del Milan

Il caso Leao

La categoria dei "sottopagati"

Il bonus di benvenuto di 888sport!

Romelu Lukaku il più pagato

A partire da quello in vetta. Il giocatore con il contratto più oneroso è Romelu Lukaku, tornato  in prestito all’Inter dopo appena un anno di Chelsea.

Pur di…fuggire da Stamford Bridge il belga ha deciso di decurtarsi lo stipendio rispetto ai 12 milioni netti che percepiva a Londra, "accontentandosi", si fa per dire, di 8,5 milioni fino a giugno 2023.

Sulla scelta del magnifico centravanti class '93 ha pesato sicuramente il Mondiale invernale, da preparare al meglio e non seduti in panchina, ma l'esonero di Tuchel, un altro che vedeva nello "spazio" il suo numero 9 ideale, da manager dei Blues evidenzia come il bomber mancino sarebbe stato utilissimissimo anche a Fulham Rd...

Con il ritorno di Big Rom in Italia, l'Inter, nonostante un avvio di stagione da incubo, è da considerarsi la favorite per le Serie A quote!

Il podio degli ingaggi top è bianconero

Dietro di lui c’è un altro grande ritorno proveniente dalla Premier League, quello di Paul Pogba. Anche il centrocampista offensivo ha fatto davvero di tutto pur di indossare di nuovo la maglia della Juventus, rinnovando la tradizione dei francesi alla Juve, considerando che al Manchester United guadagnava 17 milioni netti a stagione e che sia i Red Devils per il rinnovo che il PSG per acquistarlo a parametro zero avrebbero offerto cifre simili.

La Signora invece è arrivata a 8 milioni netti all’anno, sfruttando il decreto crescita e aggiungendo ai soldi…quell’amore che il tuttocampista cercava dopo gli anni di attriti dalle parti di Old Trafford. 

La Juventus, tra l’altro, si prende con la sua forza economica anche il resto del podio, occupato da ben tre calciatori che indossano la maglia bianconera. Si parla però di situazioni diverse tra loro.

Adrien Rabiot è a lungo stato considerato cedibile dai bianconeri, che probabilmente hanno sbagliato a fargli firmare qualche anno fa un contratto da 7 milioni di euro a stagione.

Paredes subito contro il suo Paris!

La stessa cifra la percepiscono anche altri due compagni di squadra, che invece sono arrivati molto più recentemente. Sia Dusan Vlahovic, nome top per la griglia attaccanti che Leandro Paredes sono decisamente importanti nello scacchiere juventino e si sono legati a lungo termine alla Signora raggiungendo quasi la vetta degli stipendi della Serie A.

Che rinnovo per Brozo!

E poi arrivano le altre. Ma per modo di dire, perché scendendo si trovano altri calciatori di Inter e Juventus. A 6,5 milioni di euro i nerazzurri hanno Marcelo Brozovic, che ha spuntato un rinnovo a una cifra molto alta grazie al suo ruolo di regista imprescindibile per Simone Inzaghi.

Il gol di Brozo al derby!

Anche alla Juventus si versano 6,5 milioni di euro a due calciatori, che sono dei due veri e propri senatori bianconeri: Leonardo Bonucci ora è anche diventato il capitano della squadra dopo l’addio di Giorgio Chiellini, mentre Wojciech Szczesny difende la porta bianconera ormai dal 2017 e ha sempre visto il suo ingaggio crescere nel corso degli anni.

La Signora chiude anche la fascia dei 6 milioni con altri due elementi della sua rosa, entrambi un po’ avanti con gli anni. Il brasiliano Alex Sandro è stato a lungo il terzino titolare bianconero, ma difficilmente verrà rinnovato il suo contratto.

Accordo annuale invece per Angel Di Maria, che probabilmente dopo l’esperienza in Italia tornerà nella sua Rosario per chiudere la carriera.

A Trigoria il tetto salariale è di 5 milioni

A 5 milioni finalmente spuntano anche calciatori di squadre diverse, fermo restando che l’Inter a quella cifra ha in rosa Edin Dzeko, Hakan Calhanoglu e Lautaro Martinez, mentre la Juventus li versa al nuovo arrivo Gleison Bremer e ai veterani Juan Cuadrado e Federico Chiesa. 

La Roma ha a 5 milioni il suo tetto salariale, con in cima Tammy Abraham e Georginio Wijnaldum. A 4,5 i giallorossi hanno anche Paulo Dybala, che però con i bonus previsti dal suo accordo con il club di Trigoria può arrivare anche a percepire 6 milioni a stagione. 

Si ferma a 4 milioni invece il capitano Lorenzo Pellegrini, che ha da poco rinnovato con il club che lo ha visto crescere sin da quando era giovanissimo.

A 4,5 milioni a stagione ci sono anche i due calciatori più pagati del Napoli, ovvero Victor Osimhen, primo marcatore seriale per il sito scommesse e Hirving Lozano.

Theo Hernandez il più pagato del Milan

Ma dov’è il Milan? A 4 milioni, che con l’addio di Alessio Romagnoli sono diventati il tetto massimo degli stipendi rossoneri.

A toccarlo sono solamente il vice capitano Theo Hernandez grazie al recente rinnovo e il nuovo arrivo Divock Origi, preso a zero. Tonali, non in classifica come importo, ma sicuramente per rendimento, rinnova fino al 2027 a 2,5 milioni.

Theo, una velocità diversa!

A proposito di Romagnoli, il difensore con i suoi 3,5 milioni di euro non è il calciatore più pagato della Lazio. L’onore spetta a Ciro Immobile, che guadagna 4 milioni, mentre Sergej Milinkovic-Savic si ferma a 3,2.

Menzioni speciali negli altri club a Nikola Milenkovic, che ha rinnovato con la Fiorentina a 3 milioni all’anno più bonus, e a Domenico Berardi, che si è legato praticamente a vita al Sassuolo con un contratto fino al 2027 a 3 milioni.

Il caso Leao

Ma in Serie A non ci sono solo grandi cifre, anzi. Ci sono anche molti calciatori che rispetto alle loro prestazioni guadagnano decisamente poco. L’esempio migliore è l’MVP dello scorso campionato, il milanista Rafael Leao. Il portoghese ha un contratto fino al 2024 da 1,4 milioni di euro, una "miseria" rispetto all’apporto offerto alla causa del Diavolo.

Complimenti al Napoli per il colpo di mercato estivo, perché Khvicha Kvaratskhelia è stato preso nello scetticismo generale ma si sta già imponendo come una stella della Serie A. E il georgiano guadagna anche poco, 1,5 milioni di euro all’anno, una cifra che certamente De Laurentiis nel tempo aumenterà per blindare il suo talentino.

La categoria dei "sottopagati"

Non può non rientrare nel novero dei sottopagati…praticamente tutta la rosa dell’Atalanta, che negli ultimi anni ha fatto meraviglie con stipendi sotto i due milioni di euro. Basterebbe pensare che Toloi e De Roon, due dei capitani, superano di poco il milione di ingaggio.

Anche alla Roma c’è un ingaggio, forse, basso per il rendimento offerto, quello di Ibanez, che ha rinnovato nel 2021 per 1,5 milioni di euro a stagione.

E anche la nuova stella del calcio italiano, Destiny Udogie, guadagna decisamente poco visto che il suo contratto con l'Udinese è quello di un giovane appena uscito dalla Primavera. Ma tanto ci penserà a breve il Tottenham, che lo ha già acquistato, ad alzarlo parecchio…

*Le immagini dell'articolo sono distribuite da AP Photo. Prima pubblicazione 6 marzo 2021.

Sull'autore
Di
Ermanno Pansa

Ermanno è un grande appassionato di sport, in particolare del calcio, vissuto a 360°: come professionista e come tifoso. Ha seguito tutte le fasi finali delle manifestazioni internazionali degli ultimi 15 anni, Mondiali ed Europei.

Amante degli incontri ricchi di gol, collabora quotidianamente con il blog di 888sport, per il quale rappresenta una costante fonte di idee.

 

Articoli Correlati

DI LORENZO LEADER

IL RECORD DI MAZZONE

I NUMERI DI IERVOLINO

KVARA E GLI ALTRI

CAMPIONI IRIDATI DALLA  A