Nessuna sfida nel campionato italiano è definita come El Clasico o Der Klassiker: ma quella tra Juventus e Milan è la partita tra due delle squadre che, insieme all’Inter, hanno conquistato più scudetti; ma è anche la storia di una rivalità europea, di due formazioni che nel 2003 si sono contese la Champions League nella finale di Manchester che rimarrà negli annali del calcio continentale.

 

Juventus-Milan, in programma domenica alle 20.45 all’Allianz Stadium, è il big match della dodicesima giornata in Serie A, nonostante i rossoneri in questa stagione non occupino posizioni di vertice. La classifica del campionato vede, infatti, i bianconeri in testa con 29 punti, ottenuti con nove vittorie e due pareggi, seguiti dall’Inter a 28, dalla Roma a 22 e dal terzetto formato da Lazio, Atalanta e Cagliari a quota 21.

 

Il Milan occupa attualmente l’undicesima posizione con 13 punti, frutto di quattro vittorie, un pareggio e ben sei sconfitte. I rossoneri sembrano doversi guardare più alle spalle, con la zona retrocessione che dista tre punti, piuttosto che puntare a un posto in Europa, dieci punti più in alto.

Abbiamo parlato della partita, analizzando le quote sulla lavagna di 888sport, in esclusiva con il giornalista Stefano Fonsato di Eurosport.

Scommetti live su Juventus-Milan con 888sport!

Juventus-Milan è sempre una sfida dal sapore particolare. Che tipo di partita si aspetta?

“Vero, come si può a non pensare alle memorabili sfide Anni '90 e 2000? Ora gli equilibri sono decisamente saltati a favore dei bianconeri. Che però, ho come l'impressione, faranno giocare la squadra di Pioli, molto più in difficoltà al cospetto dell'aggressività delle cosiddette provinciali”.

La Juventus si è già qualificata agli ottavi di Champions League ed è in testa alla Serie A, ma sembra ancora non convincere pienamente. Che idea si è fatto del nuovo corso bianconero?

“Quella che abbiamo visto fino ad adesso, non è ancora la Juventus di Sarri. È evidente. La squadra si trova, in qualche modo, a metà del guado. In ogni caso, non diventerà esattamente come il Napoli del tecnico di Bagnoli: in casa bianconera, a differenza di quanto accade in casa dei partenopei, c'è l'assillo della vittoria”.

Il Milan non sembra in grado di uscire dalla crisi. Un risultato importante a Torino potrebbe aiutare a risolvere molti problemi. La Serie B per i rossoneri è un rischio concreto?

“Assolutamente no. In qualche modo i rossoneri raddrizzeranno la stagione. Tuttavia, li vedo potenzialmente poco più su di un anonimo campionato di metà classifica”.

Nella graduatoria virtuale delle nostre scommesse sportive, il Milan si trova attualmente in ottava posizione, con la quota per la vittoria del campionato @251.0.


Quali sono le ricette che Pioli potrebbe utilizzare per rimettere in carreggiata una stagione che rischia di diventare fallimentare, se non catastrofica?

“Gattuso, la ricetta, l'aveva trovata. Quando la qualità media della rosa è decisamente inferiore rispetto alle avversarie top class bisogna puntare sull'intensità, arrivare prima sul pallone. Ma, anche in questo caso, le caratteristiche del Milan di questa stagione non sembrerebbero funzionali”.

Per le nostre scommesse calcio, le quote vedono la Juventus @1.42, il Milan @8.00 e il pareggio @4.70: cosa ne pensa? 
“È quasi come se il Milan fosse una provinciale. Ma, d'altra parte, per quanto mostrato finora, non può andare diversamente”.

Quali possono essere gli uomini chiave da entrambe le parti?

“CR7 si esalterà, vedrete. D'altro canto, se ben servito, Piatek rappresenta sempre una minaccia negli ultimi sedici metri. Ma, ribadisco, va assistito in un modo ben specifico”.

Quale giocatore può guidare il Milan in questo momento difficile? 

“Il nocciolo della questione sta proprio in questa domanda: Gattuso aveva chiesto 3 uomini di esperienza ma non fu accontentato. Aveva ragione Ringhio: in questo Milan, infatti, non ci sono trascinatori. L'unico potrebbe essere Ibrahimovic se, come sembra, firmerà per i rossoneri a gennaio. Ma restiamo nel campo delle ipotesi”.

Lo scudetto sarà ancora Juventus? O vede l'Inter in grado di superare i bianconeri?
“Ancora Juventus. L'Inter equivarrà anche alla forza di bianconeri nell'undici titolare. Ma la Juventus, di fatto, dispone di un'altra formazione di prime linee, i nerazzurri no. E, in primavera, gli uomini di Conte pagheranno l’inevitabile scotto della stanchezza”.

Per le nostre scommesse serie A, la Juventus è la favorita numero uno per il titolo @1.40, davanti all’Inter @3.50. Più distanti il Napoli @16.00 e l’Atalanta @31.00, con le romane Roma e Lazio appaiate @51.00. Nel testa a testa sulla posizione finale, invece, la Juventus è quotata @1.28, contro l’Inter @3.30.


Infine, un suo pronostico per la partita di domenica sera. 
“3-1 per la Juventus”.

Il risultato pronosticato da Stefano Fonsato di Eurosport si può giocare su 888sport @11.50. I conseguenti Gol e Over 2.5 sono in lavagna, rispettivamente, @2.05 (quota più alta di quella del No Gol @1.73) e @1.81. Davvero interessante la quota dell’Over 3.5, in palinsesto sulle nostre scommesse calcio @3.05.

Le ultime notizie e le probabili formazioni - Cristiano Ronaldo è uscito anzitempo nella vittoria di Mosca, che ha regalato alla Juventus l’accesso agli ottavi di Champions, per un leggero affaticamento, ma la sua presenza contro il Milan è confermata.

In dubbio Matthijs De Ligt, a riposo a Mosca, che ha subito una distorsione alla caviglia: qualora l’olandese dovesse farcela, completerà il quartetto difensivo con Cuadrado, Bonucci e Alex Sandro davanti al polacco Szczesny: Bentancur e Matuidi agiranno ai fianchi del regista Pjanic, mentre Higuain è favorito su Dybala in attacco con Ramsey trequartista.

Pioli, come riportato da Sky, ha in mente una rivoluzione tattica per ridare vitalità al suo Milan: pronto un 3-4-1-2 con Bennacer a centrocampo insieme a Conti, Paquetà e Theo Hernandez; in difesa, spazio a Duarte, Romagnoli e Rodriguez. In avanti, Piatek sarebbe supportato dal rientrante Suso e da Calhanoglu.

*La foto di apertura dell'articolo è di Pavel Golovkin (AP Photo).
 

 
Sull'autore
Di
Emanuele Giulianelli

Scrittore e giornalista freelance, collabora regolarmente con il Corriere della Sera, con La Gazzetta dello Sport, con Extra Time, Rivista Undici, Guerin Sportivo e con varie testate internazionali come Four Four Two, Panenka e Tribal Football. Scrive per B-Magazine, la rivista ufficiale della Lega Serie B.

Articoli Correlati

DI LORENZO LEADER

IL RECORD DI MAZZONE

I NUMERI DI IERVOLINO

KVARA E GLI ALTRI

CAMPIONI IRIDATI DALLA  A